Tempo per Me!

2 Dicembre 2019

Come psicologa, un tema su cui spesso mi trovo a lavorare e in cui mi imbatto nella vita di tutti i giorni, anche con le persone che frequento fuori dal mondo lavorativo, riguarda la gestione del tempo.

 

Sin dai tempi della scuola veniamo educati a portare l’attenzione prima al dovere e poi al piacere.

“Prima si fanno i compiti poi si gioca!”.

“Prima si studia poi si esce con gli amici!”.

 

Questa impostazione di base funziona, se non fosse per il fatto che crescendo, la lista delle cose da fare aumenta a dismisura.

 

Il dovere prende il sopravvento nella vita dell’adulto che deve adempiere a tutti i suoi compiti, nei vari ruoli che riveste. Ci sono compiti a lavoro, compiti a casa, compiti con la famiglia, compiti sociali e relazionali…insomma il dovere è in ogni aspetto della nostra vita.

 

Fortunatamente i doveri possono essere anche piacevoli. Questo vuol dire che se abbiamo relazioni familiari positive, il tempo che trascorriamo con i nostri cari è piacevole; se amiamo il nostro lavoro, il tempo che trascorriamo a lavorare è piacevole; se ci piace riordinare, il tempo che dedichiamo a risistemare casa è piacevole.

 

Ovvio è che, se le cose appena descritte non vengono vissute piacevolmente, quegli stessi doveri acquisiscono una valenza negativa e drenante per qualsiasi persona.

 

Osservando questi due possibili scenari, molti penseranno che, le persone che vivono negativamente gran parte dei loro doveri, sono quelle che dovrebbero, con maggior accortezza, trovare del tempo piacevole da dedicare a se stesse. Sicuramente ciò è più che corretto!

 

E le persone che vivono in modo piacevole la maggior parte dei loro doveri?

A queste dico che sicuramente partono avvantaggiate, ma, che anche nel loro caso dovrebbero cercare di capire quanto tempo dedicano al piacere.

Intendo il piacere fine e se stesso!

 

Perché tutti noi abbiamo il dovere di nutrire il piacere 😉

 

A questo scopo ho ideato il progetto “Tempo per Me!”.

Una varietà di incontri differenti (rivolti a piccoli gruppi), che possono essere seguiti anche singolarmente, il cui scopo è proprio quello di portare l’attenzione alla dimensione del tempo che dedichiamo volutamente a noi stessi.

Ogni incontro propone un’attività o un’esperienza pratica che prende spunto dalla Psicologia, intende coinvolgere e intrattenere i partecipanti e perché no…fargli scoprire nuovi modi di coltivare il tempo del semplice piacere fine a se stesso!

 

Se desideri conoscere le iniziative in programma vai nella sezione Eventi 🙂

 

Dott.ssa Luisa Attracta Orlando